L'Europa di fronte all'Impero Ottomano all'alba del XVII secolo.

Prezzo articolo:
Prezzo articolo: 22,00
Dettagli prodotto
  • Editore: Cisalpino Istituto Editoriale Universitario
  • Autori: Simona Negruzzo
  • Collana: Acta et Studia
  • Collana Numero: 16
  • Edizione: Prima Edizione
  • Pagine: 268
  • Tipo di copertina: PDF
  • Iconografia: Illustrazioni a colori
  • ISBN: 9788820511111
  • Anno di pubblicazione: 2017

Supporto disponibile
  • Ebook
  • PDF
Descrizione

Ritornato in Italia da Costantinopoli ai primi dei Seicento, fra Domenico Bisanti, quasi come un agente segreto, riferisce con partecipazione al conte di Lemos, viceré di Napoli, e al cardinale Scipione Borghese, nipote di papa Paolo V, qual era lo stato dell’Impero Ottomano. L’accurato dossier sollecitava a riunire i principi cristiani sotto la guida di Spagna e Papato per dar vita a una crociata moderna, cioè alla «cristiana impresa» di sbaragliare gli eserciti del Gran Turco. Sulla scorta di quell’inedita relazione, nel volume si ricostruiscono le complesse vicende che, tra XVI e XVII secolo, videro i sultani risalire in armi lungo la Penisola Balcanica verso il cuore dell’Europa, mentre le navi della Mezzaluna dominavano incontrastate sul Mediterraneo, terrorizzando le popolazioni costiere. Ma si analizzano anche i segni del declino, che minacciava la potenza ottomana già dagli inadeguati successori di Solimano il Magnifico: piano piano, essi avevano ceduto le redini del governo a gran visir, cortigiani, capi religiosi e santoni, e si erano abbandonati agli ozi dell’harem e ai maneggi delle donne del Topkapı.

Bisanti è stato buon informatore, ma cattivo profeta, perché una crociata anti-turca non ci fu. Tuttavia, la sua intuizione di richiamare i principi europei all’unità e di invitarli alla pacificazione fra loro è sopravvissuta, nel lungo periodo, alla sua relazione e ai suoi tempi. Capire con quale spirito e perché nel tempo della modernità si auspicasse una crociata dalle corti d’Europa riporta alle origini del confronto tra Croce e Mezzaluna, e al cuore della contesa, che già allora era meno religiosa che politica, meno dottrinale che militare.

 

Simona Negruzzo insegna Storia moderna all’Alma Mater Studiorum Università di Bologna e si occupa di storia delle istituzioni nell’Europa di antico regime. Fra le sue pubblicazioni più recenti si ricorda: L’armonia contesa. Identità ed educazione nell’Alsazia moderna (il Mulino, 2005). Per i tipi di Cisalpino: Università, umanesimo, Europa (2012); Europa 1655. Memorie dalla corte di Francia (2015).

  • Recensioni

    Ancora non ci sono recensioni.

    Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.