Ultime pubblicazioni

Tutti i libri di Giovanni Minnucci
  • Biografia
    Giovanni Minnucci

    Giovanni Minnucci è professore ordinario di Storia del diritto medievale e moderno nell’Università di Siena dove ha ricoperto gli incarichi di Direttore di Dipartimento, componente eletto del Senato Accademico, Preside della Facoltà di Scienze Politiche e Pro Rettore Vicario.

    Nel corso degli anni si è occupato di Storia delle Università, di Storia del diritto canonico e di Storia del diritto e della procedura penale con particolare riferimento all’età medievale, di storia del matrimonio e della condizione giuridica della donna, dell’opera e del pensiero di Alberico Gentili di cui ha pubblicato numerosi inediti.

    Fra i suoi lavori si ricordano: Documenti per la storia dello Studio senese (secoli XIV-XVI), in Lo Studio di Siena nei secoli XIV-XVI. Documenti e notizie biografiche, Milano 1989, pp. 1-314; La capacità processuale della donna nel pensiero canonistico classico. II voll., Milano 1989-1994; Tractatus criminum saeculi XII editionem criticam congessit G. Minnucci, Bologna 1997; Alberico Gentili tra mos italicus e mos gallicus. L’inedito Commentario Ad legem Juliam de adulteriis, Bologna 2002; Alberico Gentili iuris interpres della prima età moderna, Bologna 2011; “Silete theologi in munere alieno”. Alberico Gentili tra diritto, teologia e religione, Milano 2016; Alberici Gentilis De papatu Romano Antichristo, recognovit e codice autographo bodleiano D’Orville 607 Giovanni Minnucci, Milano 2018.

  • Ultimo evento
    Presentazione De papatu Romano Antichristo Siena, Sala degli Intronati 28 maggio 2019

    Martedì 28 maggio 2019 alle ore 17,00, presso la Sala degli Intronati di Palazzo Patrizi (via di Città 75, Siena), verrà presentato il libro del Prof. Giovanni Minnucci Alberici Gentilis, De papatu Romano Antichristo recognovit e codice autographo bodleiano D’Orville 607 (Milano, Monduzzi Editoriale, 2018).

    Presiederà Roberto Barzanti. Interverranno Lucia Felici (Università degli Studi di Firenze) e Vincenzo Lavenia (Università degli Studi di Bologna).